8 novembre 2007

Uffici Arredati a Torino: Caboto Uffici Direzionale.


Tutto da imparare dalla Signora Angela Porta e dalla sua esperienza maturata con il suo centro, Caboto Uffici Direzionale.
Un intervista professionale, ricca di utili suggerimenti e informazioni.



Come è nata l’idea di creare un business center a Torino?
In verità l’idea non è stata mia; la società Caboto era un’attività già avviata, l’abbiamo rilevata, proponendo successivamente un nuovo servizio, ovvero l’affitto temporaneo di uffici e sale riunioni.

Quando è nato Caboto Uffici Direzionali? Nella fase iniziale di avviamento del centro,avete incontrato ostacoli o difficoltà?
La società Caboto nasce nel 1987.
A Torino questa attività non era ancora conosciuta quindi il riscontro nel mercato locale fu sicuramente buono; erano molti i contatti.

Che tipologia di servizi offre il suo business center?
Il nostro Business Center offre l’affitto di uffici arredati, sale riunioni, il servizio di ufficio virtuale, domiciliazione legale; ci occupiamo anche di organizzazioni di eventi.

C’è un particolare servizio richiesto frequentemente dalla clientela?
La clientela richiede maggiormente l’affitto di sale riunioni per effettuare selezione del personale.
La domanda di uffici part-time è comunque sostenuta.

Quale servizio potrà avere maggiore sviluppo nel futuro?
Nel futuro avrà maggiore sviluppo il servizio di ufficio virtuale.
Infatti molta della nostra clientela preferisce optare per l’ufficio virtuale, poiché l’utilizzo che potrebbe fare di un ufficio arredato sarebbe solo saltuario.
Quindi proponiamo spesso il virtual office, ma riscontriamo spesso nei clienti la poca conoscenza dell’esistenza e del funzionamento di questo servizio.

Torino é la terza città in Italia dopo Roma e Milano per movimento economico: in una città così sviluppata, la richiesta di noleggio di uffici temporanei o sale riunioni è alta?
No, non è così alta come potrebbe sembrare!
Le cause potrebbero essere varie, o periodi di crisi economica o a causa della molta concorrenza in questo settore che si è sviluppata negli ultimi anni.
Caboto Uffici Direzionale ha avuto periodi intensi di lavoro e domande di uffici e sale riunioni fino circa all’anno 2004, poi c’è stato un calo di richieste di noleggio di spazi operativi.


Ha creato delle sinergie con altri business center presenti nella città,per promuoversi sul territorio?
Una vera e propria sinergia non l’abbiamo creata; ogni centro a Torino dispone di offerte e prezzi diversi ed ognuno opera in zone differenti della città.
Quindi non abbiamo attuato una vera e propria strategia di promozione.
Certo, abbiamo instaurato rapporti relazionali con altri business center, per esempio manteniamo i contatti con Anna Maria Musso, responsabile del
Centro Uffici Magenta 44, con il quale a volte abbiamo avuto “scambi di clientela”.

Attraverso quali canali vi siete affermati sul mercato di Torino? Internet, pubblicità cartacea, fiere o altro..?
Inizialmente a Torino ci siamo affermati grazie all’utilizzo delle Pagine Gialle e altre pubblicità cartacea; era un’ottimo canale grazie al quale ci siamo fatti conoscere, i risultati erano molto positivi.
Oggi ci avvaliamo anche di internet per promuovere il nostro centro.

C’è un particolare settore che si avvale dell’affitto temporaneo di uffici o sale riunioni?
A Torino chi richiede maggiormente uffici temporanei o sale riunioni sono le società di informatica.

Da quali zone (geografiche) provengono i vostri clienti? Dalla regione stessa? Dal centro, nord o sud Italia? Clientela straniera?
Abbiamo avuto e abbiamo una clientela variegata a livello di provenienza: da molto zone d’Italia, Napoli, Milano, Alessandria, Mantova, clienti dalla Toscana e dallo stesso Piemonte.
Anche clientela straniera: in passato clienti dalla Francia e dal Belgio erano interessati al servizio di Temporary Office e hanno usufruito del nostro servizio.

Come valuta il network di Uffici Arredati?
Grazie al network di Uffici Arredati il nostro centro ha assunto maggiore visibilità: è come avere una spinta in più.
Purtroppo l’adesione a Uffici Arredati non ha ancora portato alla conclusione di contratti.
Ho sempre ritenuto positivo essere associati a network di questo tipo; in passato infatti eravamo associati al network Business Center, il quale si occupava di molte iniziative anche pubblicitarie.
Ho fiducia in Uffici Arredati e credo che possa avere in futuro occasioni di sviluppo; forse ora è un po’ presto.

Quali consigli vi sentireste di dare ad un business center alle prime armi?
Suggerisco serietà, professionalità, voglia di investire e di lavorare duro.


0 commenti: