31 gennaio 2008

Rispondiamo con tempestività alle richieste dei nostri clienti e il fatturato crescerà

Lo abbiamo sempre detto nel corso delle nostre riunioni, la maggior parte dei nostri clienti ormai ci contatta inviandoci un'email, più raramente ci chiama prima e ci comunica la sua email per ricevere un'offerta. Chi ci contatta via email fa spesso seguire una telefonata o magari un'altra email se non riceve un'offerta o un ricontatto in tempi rapidi. L'utente web si attende una rapida risposta alla sua richiesta e le email inviate in modo automatico dai nostri sistemi (La ringraziamo per averci contattato, riceverà una nostra offerta entro......) lo soddisfano poco. L'email ha il pregio di poter essere scritta, inviata e ricevuta in pochi secondi; ha il "difetto" di far scattare subito in chi l'invia la percezione del tempo che trascorre. Chi invia l'email chiedendo maggiori informazioni o un preventivo lo fa spesso a più siti web contemporaneamente e valuta con positività chi prima risponde e soprattutto è esaustivo nella risposta.
Per mia abitudine rispondo subito a chi mi invia un'email di richiesta informazioni, ringraziandolo per avermi contattato, scrivendo che ricevuto la sua richiesta e che sarà mia cura rispondere al massimo in 24 ore nel frattempo lo invito a leggere magari degli approfondimenti disponibili in rete sul sito aziendale o sul blog. Questa tecnica ha portato a concludere dei contratti sentendomi dire: Lei è stato tempestivo ed esaustivo e al telefono mi ispira fiducia, bene scelgo Lei e la Sua azienda.
Quanto scritto viene avvalorato da un articolo che proprio oggi ho letto sul sito www.pmi.it, l'articolo può essere letto cliccando il link . Riporto una parte di questo articolo:
.....il criterio chiave per la scelta di un fornitore in Rete è proprio la rapidità dei suoi tempi di risposta. L'84% degli utenti intervistati ha dichiarato di aspettarsi una risposta a eventuali propri quesiti entro 24 ore. E soltanto il 16%, in caso contrario, si reputa comunque soddisfatto. Ben il 44% ha ammesso di rivolgersi altrove dopo un silenzio di 24 ore. Poco male, visto che addirittura il 19% attende appena 15 minuti. Soltanto il 15% aspetta almeno un giorno prima di rivolgesi ad un'altra azienda........

0 commenti: