6 gennaio 2009

Firenze si fa in due.

Due down town per Firenze: la down town classica, quella del David di Michelangelo e della Cupola del Brunelleschi, meta indiscussa di turisti ed appassionati d’arte e la down town moderna, quella che gravita intorno alla Leopolda, un grande e suggestivo spazio, unico nel suo genere in Italia, che ospita eventi e manifestazioni legate alla cultura e alla creatività contemporanee.

E tutto intorno sta nascendo un nuovo polo economico, ricco di fermento e di opportunità: la nuova stazione ferroviaria Firenze Leopolda, capolinea della linea metropolitana che collegherà la vicina Empoli con il nuovo cuore di Firenze: infatti, torneranno a fermare i treni alla Leopolda di Firenze che rinasce come nuova stazione del servizio metropolitano. E' quanto prevede il protocollo d'intesa firmato dal Comune e Provincia di Firenze, Regione Toscana e Rfi (Rete ferroviaria italiana) che fissa la riattivazione di una delle stazioni storiche della città con un servizio ferroviario Empoli/Signa-Firenze Porta al Prato: finiti i lavori di ristrutturazione e adeguamento della Leopolda, tutti a carico di Rfi, la Regione Toscana potrà dare il via al nuovo servizio ferroviario di tipo metropolitano che da Empoli porterà i viaggiatori lungo la cintura fiorentina fino a Porta al Prato, a due passi dal centro e dalla stazione di Santa Maria Novella. La parola d'ordine sarà intermodalità: due treni l'ora lungo la cosiddetta linea lenta fermeranno in tutte le stazioni del circuito metropolitano, Empoli, Montelupo, Signa, San Donnino, Le Piagge, le Cascine e infine Porta al Prato. E qui i passeggeri troveranno lo scambio con la linea 1 della tramvia o con i bus. E man mano che il territorio si attrezzerà con nuove funzioni o infrastrutture, come la Manifattura Tabacchi, o la futura pensilina sull'Arno da San Donnino a San Bartolo a Cintoia, verranno aggiunte nuove fermate al servizio ferroviario metropolitano.
E che dire della lottizzazione che ha riqualificato tutta l’area delle ex Officine Grandi Riparazioni di Trenitalia dove oggi sorgono palazzi residenziali ed uffici, un hotel di primissima categoria?
Come di primissima categoria è il business centre che si affaccia su questa nuova realtà economica fiorentina: il Centro Executive Service che si propone come partner commerciale di imprenditori, aziende e liberi professionisti che intendono iniziare un’attività o essere presenti sul mercato fiorentino in modo immediato ed economico. Con una semplice domiciliazione a soli 42 Euro al mese o un ufficio arredato a 65 Euro per mezza giornata.
La proposta di Executive Service va dall'ufficio arredato all'ufficio virtuale, dalla sede legale alla risposta telefonica personalizzata, dalla sala riunioni per incontri d'affari all'aula corsi per sessioni di addestramento o tutoring.
E se fino a ieri Via Ponte alle Mosse era l’incubo degli automibilisti alla ricerca disperata (e spesso vana) di un parcheggio, oggi, grazie all’ultima opera di Firenze Parcheggi, sono 363 I posti auto a disposizione di clienti e visitatori della nuova down town e delle sue realtà commerciali nel nuovo parcheggio interrato Porta al Prato: aperto 24 ore su 24 e controllato tramite centrale remota, moderno, sicuro, curato e facile, il parcheggio Porta al Prato mette a disposizione oltre agli spazi per la sosta a rotazione anche alcuni posti in vendita di cui sono stati già firmati i primi contratti. Le tariffe orarie sono le seguenti: dalle ore 8.00 alle ore 20.00 € 1 la prima ora e € 1.50 dalla seconda; dalle ore 20.00 alle ore 23.00 € 1.00 l’ora; dalle ore 23.00 alle ore 8.00 € 0.50.

1 commenti:

Uffici Arredati ha detto...

Ben tornata nel blog con un post molto interessante. Il futuro potranno essere anche i business center in stazione?