4 giugno 2009

Data certa contratto, indicazioni Poste Italiane

Nella riunione di Catania abbiamo dedicato qualche minuto a parlare dei contratti di domiciliazione. I colleghi presenti mi hanno chiesto di rendere disponibile online e lo faccio volentieri la comunicazione consegnataci dalle Poste Italiane (ufficio a Modena) con nuova procedura per dare data certa al contratto.

Spero possa esservi utile, ricordo l'importanza di dare data certa ad ogni pagina con affrancatura e timbro.
Il documento è anche online in Scribd.
-------------------------------------------------------------------------------------------------
Il Cliente che desidera avere su un proprio plico la certificazione da Poste Italiane dell’esistenza dell’invio stesso in una determinata data deve:

· consegnare, presso un Ufficio Postale, l’invio pronto per l’accettazione formato da un documento avente corpo unico
· provvedere ad apporre sulla prima pagina del documento la dicitura “si richiede l’apposizione del timbro postale per la data certa” seguito da data e firma
· pagare l’importo dell’affrancatura

L’ Ufficio Postale deve:

· richiedere a chi esibisce fogli diversi e divisi sul presupposto che si tratta di corpo unico di presentare le pagine già spillate, timbrate e firmate nella congiunzione della spillatura. Sulla prima pagina l’esibitore dovrà scrivere, datare e sottoscrivere di proprio pugno” documento unico formato da n.xxxx….pagine”
· verificare quanto sopra descritto, in particolare che trattasi di un documento completo(scrittura privata) recante l’indicazione del mittente e destinatario, che non necessariamente debbono coincidere
· affrancare l’invio in base alle tariffe vigenti di posta prioritaria utilizzando francobolli di posta prioritaria. Nel caso di impossibilità di reperire tali francobolli è consentito l’utilizzo di quelli ordinari per il valore corrispondente alla tariffa


Si precisa che non può parlarsi di servizio in autoprestazione, in quanto non si è in presenza dell’espletamento di un servizio postale svolto direttamente dal mittente ovvero terzi dallo stesso incaricati in via esclusiva.
Qualora sul documento presentato l’esibitore abbia stampato/apposto la dicitura “auto prestazione” la stessa dovrà essere annullata a cura dell’operatore UP, sarà sufficiente un tratto di penna.

Si ribadisce, inoltre, che:

· il servizio non deve confondersi con la c.d. “legalizzazione degli atti” che Poste Italiane non è autorizzata a compierel’apposizione del timbro dell’Ufficio Postale costituisce esclusivamente un mezzo di prova per fornire “certezza della data” ad una determinata scrittura privata (non foto)

6 commenti:

Uffici Arredati ha detto...

Con questo post ho evaso una delle prime richieste fattemi in riunione a Catania.

Cinzia Cresti - Very Office ha detto...

Grazie tante, è molto importante completare i contratti con tutto l'iter da seguire per dare loro validità.
E' un valore aggiunto da non sottovalutare.
Cinzia

Cinzia Cresti - Very Office ha detto...

Stò facendo una prova.
Cinzia

Uffici Arredati ha detto...

Ritengo, come detto a Catania, che il contratto di domiciliazione p. e legale possano rappresentare un primo passo verso la redazione anche del contratto di risp. telefonica.
La versione inglese, l'aggiornamento odierno mi sembra che ci portino al top nel nostro settore per questa offerta di servizi.

stefano catanzaro ha detto...

Lo proverò prossimamente. E'un passo in avanti.
Stefano

Uffici Arredati ha detto...

Ringrazio Stefano per la sua adesione. Con lui procediamo a tradurre in lingua inglese i due contratti redatti dal legale.