31 agosto 2009

Il Sole 24 Ore dedica ad un articolo alla segretaria in "multiproprietà"




La scorsa settimana al rientro dalle ferie ho trovato in posta elettronica un'email di Francesca Milano, giornalista del quotidiano economico Il Sole 24 Ore che mi chiedeva disponibilità a rispondere ad alcune domande sui servizi di segretariato telefonico. Con molto piacere ho avuto modo di scambiare alcune informazioni via email con lei relativamente all'attuale situazione di mercato, al target di clienti che ne fanno domanda e ai relativi prezzi.


Oggi il quotidiano nazionale pubblica in prima pagina (immagine in alto) l'articolo dal titolo: " Per risparmiare una segretaria in multiproprietà". L'articolo prosegue a pagina 11 dove c'è un mio breve intervento (aimè invece di MB Center è stato scritto MB Centre), un intervento di Gianluca Pollesel e di alcuni clienti utilizzatori del servizio. Altre aziende menzionate sono Segretaria 24, Advert e Segretaria in linea.

Sono contento che in questa circostanza come in altre sono contattato da giornalisti che alla mia domanda: come mi ha conosciuto, rispondono grazie al motore di ricerca (immagino che diano per scontato che il motore per antonomasia sia Google). Sono contento che Il Sole 24 Ore in questo momento di crisi guardi anche ai nostri servizi ed infatti l'articolo esalta i vantaggi economici della segretaria a distanza o virtuale, qui "battezzata" con un termine nuovo, ma sicuramente azzeccato, in multiproprietà. A fianco riporto la pagina 11 del quotidiano dove l'articolo prosegue da pagina 1. Pensate che i nostri servizi usciranno dalla nicchia dove ancora sono ancora rilegati? Spero che dopo il Sole 24 Ore (Millionaire lo ha fatto il 04/07/07) altre testate diano spazio sia per i servizi segretariali che per il noleggio di uffici.

12 commenti:

Fulvia Finelli - Executive Service Firenze ha detto...

beh, considerare la segretaria "proprietà" non mi sembra politically correct!

parco de medici ha detto...

Sono d'accordo... ma voglio pensare che il termine sia stato utilizzato per meglio rendere l'idea.
Ciò che invece non mi piace è l'ultima frase dell'articolo ..o meglio le parole "fingere" o "far credere" ...danno l'idea di un qualcosa di poco chiaro..
Che ne pensate colleghi?
Claudia

parco de medici ha detto...

Sono d'accordo... ma voglio pensare che il termine sia stato utilizzato per meglio rendere l'idea.
Ciò che invece non mi piace è l'ultima frase dell'articolo ..o meglio le parole "fingere" o "far credere" ...danno l'idea di un qualcosa di poco chiaro..
Che ne pensate colleghi?
Claudia

GIOffice ha detto...

Concordo con voi.
Millionaire citava "Mi faccio la segretaria", ora il Sole24ore parla di "segretaria in multiproprietà".
E' veramente triste notare che per fare notizia bisogna sempre strumentalizzare la figura femminile. Gli uomini neppure se ne accorgono, anzi trovano i termini "simpatici" o "azzeccati".
Mah...

Uffici Arredati ha detto...

Onestamente debbo diro che quello che dite è vero. Mi aspettavo un articolo, come dire, che invitasse all'acquisto dei nostri servizi e magari spingesse il piede sull'accelleratore del risparmio, dell'immagine ...
Temo che la non conoscenza del servizio/prodotto produca tutto ciò.
Per il termine multiproprietà, confesso che non l'ho mai utilizzato come parola chiave e mi sembra molto tirato anche se può esprimere il concetto di "un qualcosa" condiviso.

gianluca ha detto...

Buongiorno a tutti.
Semantica e stigmatizzazione delle parole parte quello che a noi importa è l'efficacia di quanto viene scritto. Noi, del settore, viviamo le cose in un modo leggermente di parte, decisamente tecnico e quasi carnale.
Ho fatto leggere l'articolo a persone che poco sanno del mio lavoro e hanno trovato lo scritto comprensibile, interesante e veloce da leggere.
Dovremmo metterci più spesso dalla parte di chi legge semplificando le cose, dicendo meno. E magari portando più esempi.
Gianluca Pollesel

Uffici Arredati ha detto...

Il nostro problema è da sempre le molteplici parole che identificano un solo servizio:segretaria virtuale, online, condivisa, a tempo, a ore, a distanza...oggi aggiungiamo in multiproprietà.

Se poi di una parola si discute come accadde per "mi faccio la segretaria" ancora meglio.

Ovviamente alcune parole e frasi non trovano tutti d'accordo anche se all'esterno esprimono bene quello che è il servizio.In questo caso la multiproprietà tende a concepire la segretaria come un bene di proprietà di tanti clienti.

Uffici Arredati ha detto...

Per chi desidera salvare l'articolo in formato pdf segnalo il link di Aniur che mi ha girato Gianluca P. che ringrazio:
http://www.aniurblog.it/wp-content/uploads/segretaria-sole24ore1.pdf

Potete copiare la url e incollarla nel browser e attendere qualche secondo.

Business Center Treviso ha detto...

L'importante è che se ne parli... sono d'accordo con le critiche delle colleghe, ma il nostro obiettivo è "influire" sul target dei nostri potenziali clienti. Per quanto mi riguarda sono "uomini", per cui è corretto secondo me, parlare/scrivere un linguaggio semplice e per alcune scurrile, ma indelebile ed efficiente.
Vi ricordate le campagne pubblicitarie dei Benetton all'epoca di Oliviero Toscani?
Le foto del malato di Aids, del parto e degli immigrati albanesi, non sono state realizzate ad hoc per la campagna pubblicitaria, sono immagini di attualità. Sono foto che riproducono il mondo “reale”, che suscitò sdegno, censure e critiche da tutto il mondo... ed intanto il fatturato straripava!!!
La parola d'ordine che ci deve accomunare è "fare parlare di noi" sopratutto in questo difficile periodo congiunturale. Non abbiamo di certo i fondi di una Holding ma almeno la comunicazione facciamola in modo reale, senza fronzoli e dottrine da professorini.
Dobbiamo far conoscere i nostri servizi "ADESSO" ed i vantaggi che essi rappresentano per l'intera economia italiana.
Buon lavoro

Uffici Arredati ha detto...

Oggi vi dimostro come l'articolo ha influito sulle visite di MBCenter, avendo loro usato la parola Mbcentre.
Chiedo a Pollesel se ha riscontrato crescita visita su ufficiovirtuale.it che era citato nell'articolo.

stefano catanzaro ha detto...

Anche a me non piace "multipropietà" e " far credere....".
Al di là di questo comunque l' importante è che ne abbiano parlato e che noi ci siamo mossi
per creare qualche cosa di nuovo. Il nostro "made in Italy" ed il "made in loco" senza call center credo sarannno i nostri punti di forza.
Un saluto Stefano

Uffici Arredati ha detto...

Segnalo che ho ricevuto email da Torino da Consulente Lavoro,l'ho chiamata e la fonte è Il Sole 24 Ore!