24 novembre 2009

Riunione ufficiarredati.it: Banca Dati Clienti Indesiderati

Dire nel blog ai nostri clienti e potenziali clienti che abbiamo approvato la realizzazione di una banca dati per la selezione di clienti "indesiderati" può sembrare a prima vista una cosa negativa. Personalmente però vedo il lato positivo, vale a dire il fatto di garantire a tutti clienti seri e professionali-fortunamente la maggioranza-che i nostri business center fanno selezione ponendo l'immagine e la serietà come elemento primo del nostro lavoro.
Già negli scorsi anni si è parlato di creare questa banca dati, ora ritengo ed il 14 novembre ho avuto la conferma di chi era in sala, che sia di estrema importanza crearla con lo scopo di tutelarci. Riporto sotto le slide utilizzate per questa presentazione.


Progetto_Banca_Dati


Giusto ed attento l'intervento di Vincenzo Rosiello di Foggia e Livio Papiano di Bologna, che ci invitano ad aggiornare la normativa della privacy che facciamo firmare ai nostri clienti, segnalando che le informazioni raccolte potrebbero essere trasferite ai centro uffici del network di ufficiarredati.it tutelandoci pienamente e rispettando la normativa. Interessante la puntualizzazione di Livio che riconosce nella banca dati un altro tassello che può crescere il valore del network oltre il suo ruolo commerciale.

La banca dati,che dovrà essere realizzato con il contributo di tutti, permetterà di ridurre:

-danni economici

-danni di immagine

-perdita di tempo


Alcuni colleghi presenti come Parco de Medici e Time for Business si sono subito resi disponibili a "creare contenuti" rapidamente, ma anche noi di Modena abbiamo qualche "bel nominativo".
Nelle prossime settimane, via email, forniremo un modus operandi per la creazione gestione della banca dati. Per chiudere il post mi preme evidenziare come condividere queste informazioni non potrà che accrescere le relazioni che abbiamo in piedi e rafforzare lo spirito di gruppo.

2 commenti:

Uffici Arredati ha detto...

Penso possa essere un altro tassello importante del nostro network.

stefano catanzaro ha detto...

Pienamente d'accordo!
Stefano