13 agosto 2009

Iva per cassa

L'articolo 7, D.L. n.185/2008 ha esteso la possibilità di applicare, a tutte le cessioni di beni e prestazioni di servizi, la cosiddetta "esigibilità differita" dell'Iva.
Le operazioni effettuate nei confronti della generalità dei soggetti che agiscono nell'esercizio d'impresa, arte o professione, l'Iva diventa esigibile all'atto di pagamento del corrispettivo anzichè al momento di effettuazione dell'operazione.


Con il D.M. 26 marzo 2009, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale del 27/04/09 sono entrate in vigore le regole sull'Iva per cassa. In base alla norma possiamo sintetizzare che:

- l'iva diviene esigibile al momento del pagamento dei corrispettivi
- possono beneficiare del differimento al momento dell'incasso della fattura chi ha un volume di affari non superiore a € 200.000,00
- non si applicano le disposizioni a che si avvale di regimi speciali iva
- in mancanza di pagamento, l'esigibilità dell'imposta ha effetto un anno dopo l'operazione.

Il cedente o prestatore al verificarsi delle condizioni previste emette la fattura riportando in essa l'annotazione che evidenzia la scelta di differimento dell'iva. La dicitura da riportare in fattura deve essere: "operazione con imposta ad esigibilità differita ai sensi dell'articolo 7, D.L. n.185/2008".
Qualora la dicitura non fosse indicata, l'imposta diventa esigibile secondo le norme generali.

La fattura viene registrata secondo le modalità consuente, è necessario rilevare l'imposta a debito per il periodo, lasciando di conseguenza l'imposta sospesa.

Uffici arredati verona

Manca qualche giorno ed anche Myofficeverona Business Center, chiuderà per il periodo estivo dal 17 al 21 agosto.
Un saluto ed una buona vacanza ai clienti che hanno usufruito e che stanno usufruendo del centro, con i suoi servizi di sala riunione, ufficio arredato, ufficio a tempo.
Stefano Catanzaro
info@myofficeverona.com
www.myofficeverona.com
045 8538988

11 agosto 2009

Voce della segretaria

Questo blog è nato per dare informazione intorno ai servizi di un moderno centro uffici e abbiamo cercato anche modi e strumenti per promuoverci e parlare di noi.
La voce dell'immagine seguente (cliccate la freccina in basso a sinistra) è stata creata tanto tempo fa proprio come test di uno dei possibili strumenti di promozione. La inserico nel post perchè sono costretto a rimuoverla dalla sua posizione (colonna di destra del blog) per allegerire il caricamento della pagina, ma mi fa piacere non perdere il codice di programmazione.





10 agosto 2009

Coworking Udine

La collega Gigliola Piccolo del business center uffiCity di Udine mi ha parlato del progetto coworking Udine. Con piacere segnalo il link con intervista ad Annamaria Tuan responsabile del coworking friulano e con Vincenzo Missio di Coveco Srl ho cercato di capire meglio questa iniziativa.

Ho inviato un email a Vincenzio Missio presidence di Coveco Srl Udine, che dal Gruppo Bardelli (uffiCity) ha ricevuto l'incarico di progettare una serie di iniziative attorno a Città Fiera con lo scopo di aumentare la dimensione B2B del centro. Vincenzo è stato gentilissimo e le informazioni che sotto riporto sono frutto delle email che ci siamo scambiati.

Tra i progetti che sono stati elaborati c'è appunto il coworking che presenta la peculiarità di integrarsi con il business center di Città Fiera ed ha, tra l'altro, l'obiettivo di mettere in relazione aziende e le "intelligenze" che frequentano il coworking.
L'intero progetto è gestito da uno staff della Coveco e dalla signora Gigliola Piccolo. In particolare Annamaria Tuan si occupa del blog e della comunicazione, Riccardo Cicuttin della concettualizzazione.
Gli altri progetti riguardano la responsabilità sociale dell'impresa, lo sviluppo dell'attività culturale e d'informazione (sala multiseum), attività di comarketing tra imprese del centro ed esterne ad esso, l'aggregazione di aziende artigiane.

Per quanto concerne i dati sono ancora indicativi in quanto l'attività vera e propria del coworking partirà a settembre. In una prima fase sono previsti 60 metri quadrati con 6-8 posti lavoro e 1 tavolo riunioni da 4-5 posti. In seguito verranno messi a disposizione altri 60 metri quadrati.

Da subito saranno disponibili le sale riunioni e il multiseum (sala conferenze da 120 posti). L'accesso alla rete sarà disponibile (wifi) e saranno disponibili attrezzature quali stampante, fotocopiatrice, proiettore, piccola biblioteca, armadi. Naturalmente nessun problema per servizi di ristorazione (il centro commerciale ha un numero elevato di punti ristoro per tutti i gusti).

Seguiremo nei prossimi mesi l'evoluzione di questa iniziativa che, un pò come accade a Prato e Torino, vedrà convivere business center e coworking.