18 dicembre 2009

Quale canale pubblicitario funziona?

Pubblico una slide utilizzata nella riunione di Formia frutto delle vostre risposte al questionario anonimo. I dati sono attendibili in quanto al questionario ha risposto ben oltre il 50% dei centri uffici del network.
Una delle prime domande che mi vengono fatte, quando telefonicamente conosco il gestore o il futuro gestore del centro uffici è: cosa funziona per vendere i nostri servizi?

Direi che a questa domanda ho e hanno risposto molti colleghi del network, ho evidenziato in verde i dati fortemente positivi e in rosso quelli fortemente negativi.
Nella categoria poco utile sono presenti: pagine gialle online, quoidiani e free press.

Nella sezione "strumento fondamentale" il passaparola ed il posizionamento del proprio sito web - aggiungerei o del portale -.
Se avete da aggiungere altro o discutere le informazioni del post, la discussione è aperta.

17 dicembre 2009

readycenter sempre più ready

Salve a tutti, colleghi!

Questo è il primo post ufficiale di readycenter nel blog di ufficiarredati.it

e so che sicuramente farà molto piacere a Gianluca.

Scrivo per annunciare che dopo alcuni mesi di passione, anche readycenter è in grado di fornire ai propri clienti numeri di telefono personali.

Il ritardo è dovuto ai gestori telefonici che ci hanno fatto perdere un sacco di tempo. E’ anche a causa di queste inefficienze che la nostra economia nazionale, già fragile, rischia di perdere ulteriori posizioni di competitività rispetto alle altre economie avanzate.

Comunque, dal mese di dicembre possiamo affermare con soddisfazione che readycenter ha compiuto un passo in avanti nella propria offerta di servizi, avvicinandosi agli standard degli altri business center.

Grazie per la vostra attenzione e a presto con il prossimo post.

Stefano

16 dicembre 2009

Nuovo sondaggio di Ufficiarredati.info

Cari colleghi vi segnalo che da oggi - 16 dicembre - e fino a fine mese è aperto il sondaggio sull'andamento dei vostri contatti in Novembre rispetto al mese di Ottobre.
Potete votare cliccando una delle tre opzioni proposte nel sondaggio: colonna di destra del blog, parte alta della pagina.

Cosa vuole dirci Google?

Forse Google si appresta al lancio di un nuovo prodotto? Forse ha attivato un countdown per un evento importante?
Volete sapere il perchè di queste domande?
Cliccate www.google.com poi senza cercare nulla cliccate I'm feeling Lucky e vedrete comparire uno strano conto alla rovescia.
Il conteggio è attivo sulle versioni americane e australiane e stranamente con lo stesso conteggio quindi sono da escludere eventi collegati ai fusi orari.

15 dicembre 2009

MONOPOLI : PROGETTO DEDALUS - FASE PRIMA

Nell'Aula Magna dell'En.A.I.P. martedì 17 novembre Franco Cavaliere, direttore del centro di Monopoli, ha introdotto la conferenza stampa del "Progetto Dedalus - Segretaria di Direzione". Il progetto, realizzato con i fondi stanziati dalla Regione, con il sostegno del Comune di Monopoli e il forte impulso del Business Center Dedalus, ha l'obiettivo di dare opportunità lavorative almeno a 2/3 delle 18 donne disoccupate. Presenti il sindaco Emilio Romani e i rappresentanti del poker di aziende: in prima linea il Business Center Dedalus S.r.l., Agenzia Ferrari di Alberobello, Aemme Energia Alternativa s.a.s., centro Revisione Veicoli di Russo Luigi &co, Zerottanta s.n.c..
Le 18 allieve sono state scelte con una attenta selezione, fatta attraverso un concorso pubblico che richiedeva diploma di ragioneria, competenze ed esperienze in campo di contabilità e amministrazione.
Con il metodo di " formazione trasversale", le ragazze otterranno un'efficente preparazione contemporaneamente in più settori: informatica, marketing, contabilità e relazioni con il pubblico.
Le conclusioni sono state affidate al Sindaco che elogia il lavoro dell'En. A.I.P. che riesce a "trasformare difficoltà in opportunità, non solo a parole ma a fatti, in un momento in cui le soluzioni lavorative non sono a tempo indeterminato ma determinato e sono in continua evoluzione per tutti. Bisogna quindi essere in grado di trovarsi delle opportunità, non solo con il patrimonio culturale acquisito ma anche con esperienze pratiche".
Infine le corsiste stesse si dicono contente per l'esperienza e speranzose per il loro futuro.