8 aprile 2010

I segni distintivi di un imprenditore

Per avviare un'attività aziendale, e condurla al successo, occorre essere animati da un entusiasmo che non tutti posseggono.
Come scoprire se si è dotati delle attitudini che servono per avviare un'azienda? Non v'è modo di saperlo con certezza. Tuttavia, esistono alcune caratteristiche comuni nel tessuto emozionale e familiare di coloro che si sentono pronti ad affrontare un'iniziativa imprenditoriale.
Non è necessario che ogni candidato imprenditore possegga tutte e sette le caratteristiche sotto illustrate, che comunque rappresentano nel loro insieme un vantaggio, ma in generale più punti in comune saranno ravvisati con quanto descritto, più saranno le probabilità di affrontare con successo il progetto di azienda.
1.
Non siete per natura inclini a lavorare alle dipendenze di altri. In genere, coloro che stabiliscono con successo un'attività imprenditoriale hanno genitori che esercitavano un'attività lavorativa autonoma. È solitamente più semplice ottenere lavoro da un'azienda che avviare un'attività in proprio: le persone che scelgono questa seconda alternativa spesso hanno avuto l'esempio diretto di un genitore.
2.
Non rendete come dipendenti. Inutile girarci intorno: spesso, coloro che si mettono in proprio sono stati licenziati o hanno cambiato più di un lavoro. E non licenziati per esubero o passati a un lavoro meglio retribuito: licenziati in tronco o dimessisi spontaneamente prima che lo facessero gli altri. Queste vicende però vanno lette come un segno del mercato che vi dice che l'unica persona in grado di motivarvi e di gestirvi efficacemente siete voi stessi.
3.
Non credete nel miraggio del "lavoro sicuro" e ritenete che l’invidia per le poche persone rimaste con lo stesso datore di lavoro per 25 o 30 anni non sia giustificata. In effetti quante persone conoscete che siano in grado di rimanere presso una stessa azienda tanto a lungo? In un'economia che muta così rapidamente, la sicurezza del lavoro può essere terribilmente evanescente.
4.
Siete arrivati all'apice o a un punto morto. A volte, la motivazione per iniziare un'attività imprenditoriale deriva dall'aver raggiunto il massimo nell'ambiente di lavoro attuale, dall'essersi guardati attorno ed essersi detti: "E adesso?" Un successo precoce può essere eccitante, ma un abbandono precoce delle attività può portare persone attive e motivate a un disorientamento persino drammatico.
5.
Avete già sondato il mercato. Inutile persino parlare di idea grandiosa se non ci si è preoccupati di verificare se esiste un mercato per quel prodotto o servizio. Come potranno testimoniare i tanti che hanno raccolto insuccessi dalla loro avventura su Internet, "grandioso" non si traduce necessariamente in "redditizio". Non è il caso nemmeno di pensare ad avviare un'attività se non esiste una possibilità concreta che questa attirerà clienti.
6.
Avete il sostegno dei vostri familiari. L'avvio di un'attività è motivo di stress anche nelle migliori condizioni. Tentare di affrontarla senza il supporto delle persone care è imprudente.
7.
Per quanto riteniate di essere eccezionali nel promuovere un'azienda, per quanto vi sentiate portati per il lato finanziario dell'attività imprenditoriale, per quanto disponiate del know-how tecnico o creativo indispensabile per realizzare un particolare prodotto, sappiate che non ce la potete fare da soli.
Ciascuno dei punti citati in precedenza è plausibile. Tuttavia, è difficile che possiate eccellere in tutte le attività implicate nella gestione di un'azienda. Dimenticatevi del mito del cavaliere solitario. Qualunque sia il vostro personale concetto di autonomia, siate sempre propensi ad accettare un aiuto.La disponibilità a ricevere tale aiuto da dipendenti, partner o consulenti per le materie di cui non avete esperienza, è un indicatore di probabile successo futuro. Nessun imprenditore di successo ha raggiunto tale successo da solo. Colui che più è capace di procurarsi il supporto degli altri, più probabilmente avrà successo

3 commenti:

parco de medici ha detto...

Navigando nel web ho trovato questo articolo ed ho pensato: lo posto!
Quanti aspiranti o neo imprenditori ancora non sanno che un business center è la risposta più rapida ed efficace -e addirittura economica se parliamo di ottimizzazione di tempo e di energie - alla loro ricerca di una sede dove collocare la propria attività.
In un business center è già tutto pronto: uffici completamente arredati e cablati, sale riunioni confortevoli, personale di segreteria sorridente e professionale pronti a supportare il cliente nello svolgimento del lavoro.
E se avere un ufficio sarà il tuo prossimo step prova nel frattempo i servizi di domiciliazione o di segretariato virtuale.
E' il momento di entrare nel mercato dalla porta giusta!
Provare per credere.

Claudia Cialini
Business Center Parco de Medici Roma

Cinzia Cresti - Very Office ha detto...

Bellissimo, ho giusto una persona a cui farlo leggere!!
Cinzia

Gianluca Mastroianni ha detto...

Ieri leggevo un articoli sui temporary shop, ne parlaa un docente di Milano e diceva non sono una scelta economica ma di immagine.
Direi che molti business center sono una:
- scelta economica
- e una scelta di immagine.
Grazie Claudia.