5 novembre 2010

GIOffice: l’importanza della comunicazione

Intervista a Barbara Favaro esperta di scrittura e collaboratrice all’interno di GIOffice per l’editing dei testi

Buongiorno Barbara, puoi farci una breve presentazione di te stessa?
Buongiorno Carla, mi chiamo Barbara Favaro, vivo a Salò, sul lago di Garda e mi occupo di narrazione, nelle sue diverse sfaccettature, da quasi vent’anni, come freelance. La passione per il mio mestiere mi ha permesso di focalizzare, sempre più chiaramente, con l’andare e l’evolversi del tempo l’importanza dell’uso appropriato della parola allo scopo che si realizzi una comunicazione efficace.

Vuoi raccontare come ci siamo conosciute?
Certo! Stavi per iniziare la tua avventura professionale con il GIOffice nel lontano 2003 e cercavi una segretaria-tuttofare, io invece stavo cercando un lavoro part-time. Grazie ad un’amica comune ci siamo conosciute e abbiamo iniziato a lavorare insieme. Credo, considerando le mie diverse esperienze lavorative, che tu sia stata decisamente il miglior Boss che potessi immaginare!

Grazie Barbara :)) questa per me è un’ottima referenza!

Cosa cerchi di trasmettere con il tuo lavoro?
Esprimersi con chiarezza ci facilita nei contatti con gli altri e ci permette di evitare fraintendimenti e confusioni.
Spesso ottenere, specialmente all’interno di un testo scritto, un risultato del genere può sembrare semplice, ma sottovalutare la padronanza del linguaggio indispensabile per confezionare un testo corretto (per sintassi, grammatica e contenuto) è un errore in cui si cade facilmente, dando per scontato fin troppo quanto concerne la tecnica narrativa.

Cosa consigli ad un’azienda che decide di promuoversi attraverso un blog o altro strumento di comunicazione scritta?
In particolar modo diventa vitale per un’azienda proporsi nei confronti della propria clientela con una corretta e mirata scelta linguistica che, inevitabilmente, concorre a costruire quell’immagine e quello stile unico e speciale che la farà riconoscere immediatamente sul mercato differenziandola dalle concorrenti.

Di cosa ti occupi precisamente?
Io mi occupo di questo: analizzo le caratteristiche, le peculiarità, i punti di forza, l’originalità di un’azienda, di un prodotto, di un servizio e costruisco, appositamente, a livello testuale il giusto abito da farle indossare per far sì che il risultato non sia soltanto credibile e affidabile, ma del tutto unico e imperdibile.

C’è qualcosa che puoi mettere a disposizione dei Business Center?
Metto a disposizione la mia creatività, la mia esperienza e la mia professionalità affinché ogni elemento, ogni possibilità, ogni idea sia esposta in modo impeccabile e decisamente convincente.
In particolar modo per il settore business center posso occuparmi dell’editing dei testi (di qualsiasi natura essi siano e per qualsiasi finalità siano stati creati), in collaborazione con te Carla attraverso GIOffice, della stesura ex-novo dei post nei blog, dei comunicati stampa o dei testi da inserire nei siti web.


Cosa c’è alla base del tuo lavoro?
Alla base del mio lavoro c’è lo studio approfondito del Cliente e delle sue necessità e, perché no?, un ascolto attento di quella che risulta essere la sua personale visione progettuale d’origine, ovvero la motivazione che lo ha spinto ad intraprendere proprio quella particolare attività che ora è intenzionato a far conoscere e apprezzare dal pubblico a cui si rivolge.

Hai un sito web o un social network dove le persone ti possono conoscere meglio?
Sì, ho un sito (una sorta di Villaggio Virtuale di Storie) che in due anni di attività ha avuto oltre 48.000 visite, si chiama myb-site e l’indirizzo è: http://www.myb-site.it/. Inoltre, correlato al mio progetto di narrazione (corsi e laboratori di scrittura creativa, ma non solo), ho aperto da poco il blog “NEVERLAND… dove vivono le Storie” e lo trovate qui: http://neverlanddovevivonolestorie.blogspot.com/. Ovviamente sono anche reperibile su linkedIn: http://it.linkedin.com/pub/barbara-favaro/26/85a/649 e questo è il mio indirizzo e-mail barbarafavaro@hotmail.com. Ecco credo di avervi detto tutto!


Ultima domanda: qual è il tuo obiettivo finale?
Ogni progetto è una sfida che accolgo con entusiasmo e serietà, prefiggendomi di non mancare l’obiettivo che è stato, insieme, prefissato.

Grazie Barbara per averci dedicato il tuo tempo, buon lavoro allora!

Carla G. Colotti
GIOffice – Salò
carla@gioffice.it

0 commenti: