15 novembre 2010

Il 30 novembre scadono molte imposte

Il 30 novembre è l’ultimo giorno utile per versare la seconda o unica rata dell’acconto IRPEF delle persone fisiche tenute alla presentazione del Modello Unico e dell’acconto IRES per le società ed enti equiparati. Entro lo stesso termine va versata anche la seconda o unica rata dell’IRAP e il secondo acconto dei contributi providenziali eccedenti il minimale o per i professionisti titolari di partita IVA iscritti alla gestione separata INPS.

Il 30 novembre è l’ultimo giorno utile per versare la seconda o unica rata:
- dell’acconto IRES per le società
- la seconda o unica rata dell’IRAP.

Evidenziamo che, diversamente dall’acconto versato a giugno/luglio 2010 che poteva essere versato in forma rateizzata gli acconti relativi alle imposte (Ires, Irpef, Irap e contributi previdenziali) in scadenza entro il prossimo 30 novembre non possono essere rateizzati e devono essere versati in un’unica soluzione.

Le sanzioni in caso di violazioni nel versamento degli acconti sono quelle previste a seguito della riforma del sistema sanzionatorio tributario non penale, la sanzione amministrativa pari al 30% dell’importo non versato o versato in ritardo e gli interessi di mora stabiliti nella misura annua del: 3,5% in caso di pagamento in seguito alla notifica del c.d. “avviso bonario” oppure del 4% per i ruoli resi esecutivi.

Sarà possibile regolarizzare il versamento applicando il ravvedimento operoso applicando:
- la sanzione ridotta ad un dodicesimo del minimo (2,5%), nei casi di mancato pagamento del tributo o di un acconto, se il versamento viene effettuato entro 30 giorni dalla scadenza (quindi entro il 30/12/2010);
- la sanzione è ridotta ad un decimo del minimo (3%) se avviene oltre il 30° giorno dalla scadenza.

Il versamento della seconda (o unica) rata di acconto deve essere effettuato entro il 30 novembre 2010, i contribuenti titolari di partita IVA devono obbligatoriamente effettuare il pagamento a mezzo del sistema telematico On Line tramite Entratel, Fisco On Line o tramite il servizio di Remote Banking, con i seguenti codici tributo:
- IRPEF: seconda rata o acconto in unica soluzione – 4034
- IRES: seconda rata o acconto in unica soluzione – 2002
- IRAP: seconda rata o acconto in unica soluzione – 3813
Spero possano esseri utili queste informazioni.

2 commenti:

stefano catanzaro ha detto...

Chiedo subito al commercialista in modo che non mi presenti un eventuale conto all'ultimo giorno.
grazie
un saluto a tutti
Stefano

milanobusinesscenter ha detto...

Visto che siamo in tema, parliamo anche di questo:

(ANSA) - ROMA, 18 NOV - Italia al primo posto in Europa per peso delle tasse sulle imprese. I tributi nazionali e locali e i contributi sociali pesano per il 68,6%, l'aggravio e' tra i piu' alti al mondo. La media europea e' del 44,2% e quella mondiale del 47,8%. Emerge dallo studio 'Paying Taxes 2011' della Banca Mondiale e dalla societa' di consulenza PwC. Su 183 Paesi esaminati dal dossier, l'Italia risulta al 167mo posto, ovvero tra i Paesi dove e' piu' pesante il carico del prelievo.