16 settembre 2011

Aliquota iva 21% chiarimenti

Il Dottor Fabrizio Piroli dello Studio Piroli di Frosinone risponde ad alcune nostre domande in merito alla nuova aliquota del 21%.

D: Dottor Piroli prima domanda ma il decreto legge 138/2011 è entrato in vigore?
R: Il decreto non è entrato ancora in vigore, lo sarà dopo la pubblicazione in gazzetta ufficiale; in ogni caso deve essere prima approvato dalla Camera dei Deputati e solo poi publicato in Gazzetta.


D: Nel momento in cui entrerà in vigore cosa cambierà per i business center?
R: Per individuare le operazioni effettuate a partire da tale data, occorrerà far riferimento ai criteri generali di effettuazione delle operazioni, stabiliti dall'art.6 del D.P.R. 633/1972, ossia al momento:
- della consegna o spedizione, per la cessione di beni mobili;
- della stipula dell'atto di trasferimento della proprietà, per la cessione di beni immobili;
- del pagamento del corrispettivo, per le prestazioni di servizi;
- dell'emissione della fattura, se precedente ai tre suddetti presupposti.

D: Qualora in questa fase emettessimo fattura acconto con iva 20% e la fattura a saldo venisse emessa dopo entrata in vigore del decreto come dovremo comportarci?
R: Nella fattura a saldo dovrete esporre iva con aliquota al 21%, nulla andrà modificato sulla precedente fattura già emessa al cliente.

D: Se dal momento in cui scatterà l'obbligo per errore venisse emessa fattura con iva al 20% cosa si rischia e come si potrà sanare la posizione?
R: Se dopo l'entrata in vigore delle nuove disposizioni, per errore si continua ad emettere fatture con aliquota iva al 20%, dovrà essere emessa nota variazione iva ai sensi dell'art. 26 del DPR 633/72. La nota di variazione ha gli stessi requisiti della fattura e deve essere dotata di propria numerazione progressiva per anno solare. La nota di variazione deve essere emessa, con riferimento all’originaria fattura. Per le variazioni in aumento, successivamente all’emissione della fattura o alla sua registrazione, devono obbligatoriamente essere osservati, in relazione al maggior ammontare, gli adempimenti di fatturazione, registrazione, liquidazione e versamento.

D:Dovremo anche "vigilare" sulle fatture dei nostri fornitori? Se queste fossero errate cosa dovremo fare?
R: E' opportuno contattare il proprio fornitore e far emettere una nota vaziazione iva.

Per dubbi o maggiori approfondimenti potete commentare questo post e sarà mia cura rispondervi, buon lavoro. - Fabrizio Piroli -

1 commenti:

Uffici Arredati ha detto...

Invito a leggere post di questa mattina
da domani 17/09/11 l'aliquota al 21% sarà effettiva.