3 luglio 2013

Scritture contabili, tenuta e conservazione

Ogni qual volta facciamo sottoscrivere un contratto di domiciliazione ai nostri clienti - sede legale, domicilio professionale, unità locale ... - richiediamo che lo stesso ci produca una dichiarazione circa il luogo di conservazione e tenuta delle sue scritture contabili.

Il documento è in genere redatto dal professionista che segue il nostro cliente, possiamo comunque fornire un modello al nostro cliente da far compilare oppure compilare qualora vengano tenute in sede.
Ricordo, che il luogo di conservazione e tenuta delle scritture contabili di aziende clienti non dovrebbe mai essere il business center.

Segue il modello in formato pdf caricato in SlideShare.

 


4 commenti:

Time for Business ha detto...

Giusto, mai far tenere le scritture contabili nel Centro Uffici.
Per maggior tutela noi abbiamo inserito nel contratto di domiciliazione legale la seguente dicitura:
"Si puntualizza che presso i locali di Time for Business non esistono beni di proprietà del CLIENTE né libri societari, fiscali e scritture contabili".

Gianluca Mastroianni ha detto...

Ottimo. Sempre il documento del post deve essere in vostro possesso.

Cinzia Cresti - Very Office ha detto...

Noi lo facciamo compilare prima di fare il contratto.
Ci è capitato più volte di doverlo esibire in caso di controllo degli organi competenti. Senza avremmo avuto sicuramente avuto problemi.
Cinzia

Uffici Arredati ha detto...

In effetti è il primo documento che viene richiesto in sede di controllo. Ricordo che qualora il cliente cambi luogo di conservazione delle scritture contabili è solo e soltanto lui obbligato a darcene comunicazione. Opportuno comunque in sede di rinnovo del contratto verificare che questo documento sia aggiornato come i dati del legale rappresentante.