10 dicembre 2015

A Milano siamo entrati in Regus Galleria Vittorio Emanuele

Vi abbiamo raccontato delle nostre visite presso alcuni business center milanesi. 
Siamo stati in stazione centrale, piazza IV novembre a visitare Blend Tower, poi a poco più di 500 metri dalla stazione a visitare Copernico, 15.000 metri quadrati di uffici, sale riunioni, coworking, spazi lounge e ristorazione. Siamo stati in uno dei primissimi centri uffici di Milano, Conservatorio 22 in zona San Babila che oltre a tanti uffici ha un intero piano dedicato ad unità medica. In Duomo con vista sulla Madonnina abbiamo visitato il Polaris che è il più piccolo di questi centri uffici, caldo ed accogliente per chi cerca uno spazio elegante e riservato. 

Oggi vi raccontiamo della nostra ultima visita milanese, siamo stati in Regus nel business center Galleria Vittorio Emanuele a pochi passi dall’omonima galleria e da Piazza Duomo. 

Per chi non lo sapesse Regus, è quotata alla borsa di Londra vanta oltre 3.000 business center in 120 paesi nel mondo. In Italia negli ultimi mesi ha ampliato la capillarità a Milano passando da 6 centri a 13 centri. Con le ultime aperture di Bergamo, Brescia, Bologna, Padova dove ha rilevato Business Center Srl in via Savonarola - storico centro uffici italiano -, ma è anche a Torino, Roma e Napoli per un totale di 23 centri, con oltre 6.000 clienti attivi. 

Numeri importanti che come ci hanno raccontato Mauro Mordini ed Emanuele Arpini  sono destinati a crescere entro un anno. Nuove aperture sono infatti in arrivo e possiamo anticipare che vedremo nuovi business center nelle principali città segno che Regus crede nel mercato italiano, crede nella crescita della domanda di soluzioni di uffici pronti, ma anche di postazioni thinkpod -foto a lato - nelle business lounge, coworking e sale riunioni.

 E sempre in tema di flessibilità degno di nota è il programma Businessworld, gratuito al livello Blu, che permette ai clienti di accedere liberamente ai servizi Regus sia per una necessità temporanea di un ora, così come per 5, 10 o più giorni al mese nei centri italiani o nei 3.000 centri nel mondo. Negli ultimi anni Regus ha lavorato molto per espandere il suo range di prodotto aprendo anche sedi al di fuori dei centri cittadini, oggi può quindi offrire soluzioni adatte al budget di ogni clienti. I

In Galleria Vittorio Emanuele abbiamo potuto chiacchierare con Mordini e Arpini rappresentanti di Regus in Italia e grazie alla cortesia di Chiara Ricci responsabile di questa sede e della sede di Duomo. abbiamo potuto visitare il nuovo business center. Visitandolo si percepiscono gli elementi comuni da noi visti anche a Padova, presso Regus City Center Padova: pareti chiare, arredi smart bianchi, sedute nere. Zona cucina con monitor, bollitore, frigo, microonde, posate. Uno spazio ideale per la pausa pranzo o per un veloce caffè per staccare dal lavoro. 

Abbiamo visitato e provato anche la lounge vicino all’ingresso, la si può utilizzare liberamente con una member card da €. 19 al mese o si possono utilizzare tutte quelle di Milano spendendo soltanto €. 25 al mese. Poltrone comode con tavoletta reclinabile di appoggio e poi il thinkpod, scrivania che garantisce una certa privacy con lampada, presa elettrica per lavorare in tranquillità. Chiara Ricci ci ha fatto vedere gli uffici e lo spazio coworking, un ampio ufficio con 4 postazioni attrezzate. Regus ha investito molto sulla insonorizzazione degli uffici e questo fa si che se si apre una finestra, sembra di immergersi nel traffico di Milano, a finestre chiuse il massimo del silenzio e questo lo abbiamo apprezzato anche noi nel corso del nostro incontro. 

Nel business center ci sono 8 sale riunioni e oltre 60 uffici attrezzati. Come in tutte le sedi Regus possibilità di sottoscrivere contratti di ufficio virtuale e domiciliazioni. 
Prezzi? A partire da 400 € per un ufficio da un posto lavoro, a partire da 900 € per un ufficio da tre postazioni. Inoltre, se volete visitare i centri Regus, oggi è anche possibile farlo virtualmente, il link di  Milano Galleria Vittorio Emanuele

Grazie a Mauro Mordini ed Emanuele Arpini per la splendida accoglienza.

0 commenti: